AMORI E BASSI NELLA LINEA GASTRONOMICA: UNA LOTTA T1D


 

PROBLEMI DEL PRIMO MONDO

Un gruppo di giraffe è chiamato torre. Un gruppo di squali è chiamato brivido. Un grande gruppo di persone viene chiamato no grazie. Quindi puoi immaginare come mi sento a fare la spesa la domenica. È affollato e richiede tempo, devi aspettare in lunghe file alla cassa, impacchettare tutto, evitare di rovinare le uova, caricare tutto in macchina, restituire il carrello senza essere investito da un autista che non capisce l’importanza di controllare il proprio specchietto retrovisore, e poi rompersi le braccia scaricando l’auto a casa. Perché Dio ti proibisce di fare due viaggi con meno bagagli. La spesa domenicale, nel complesso, è un dolore e un’escursione che temo ogni settimana.

Detto questo, forse la più grande motivazione che mi fa uscire di casa il più presto possibilie ogni domenica è la fila alla gastronomia. Ora lasciatemi essere perfettamente chiaro su questo: le persone che lavorano al nostro Stop & Shop nel reparto gastronomia la domenica sono persone assolutamente adorabili. Sono gentili, laboriose e fanno schifo un po’ meno quella che a volte sembra una visita all’ufficio autisti. Ma odio ancora la linea deli. E mi rattrista il fatto che mi senta così perché tutto ciò che otteniamo da lì (le nostre carni e formaggi) sono senza carboidrati. Dovrei amare quel posto!

Ahimè, la gastronomia è uno zoo la domenica e ho già stabilito cosa provo riguardo alla folla. Ora entra nella mia testa per un momento … sei in fila alla gastronomia la domenica mattina con tua moglie. Ti è stato diagnosticato meno di un mese fa, quindi stai facendo iniezioni senza glucometro continuo perché l’assicurazione e l’assistenza sanitaria nel tuo paese. All’improvviso, apparentemente fuori campo, lo senti. La sudorazione. I tremori. Il disorientamento. Devi testare e devi testare ora. Chiedi a tua moglie, no, abbaiate a tua moglie per rendersi utile e aiutare (sei piuttosto sgradevole con lei senza una buona ragione, a parte il fatto che sei basso, ansioso e spaventato, e lei è la persona più vicina a portalo fuori).

NESSUN COMPROMESSO

Quindi penso di aver misurato il glucosio mentre Melissa teneva il mio zaino tra le mani. Avevo 42. Non super. Ho succhiato con rabbia una scatola di succo e poi ho perso il controllo. Stavamo aspettando già da una decina di minuti e non volevo più aspettare. Volevo un letto, un divano o un fottuto galleggiante da piscina. Avevo solo bisogno di essere orizzontale. Ho detto a Melissa di partire, e lei ha guardato con calma il cartello che ora serve e il nostro biglietto. “Ma … il nostro numero. È quasi il nostro turno. Solo altre due persone, poi noi. Poi, se tutto va bene, il succo di frutta vi avrà riportato su e potremo finire la spesa” Wow, ero così incazzato. Inutilmente incazzato. Le ho detto che me ne sarei andato, dicendo: “scegli me o la gastronomia.”

Alzò di nuovo lo sguardo verso il cartello e poi verso il nostro biglietto e scelse totalmente salumi e formaggi. Così me ne sono andato come un bambino petulante. “Bene, vado a sdraiarmi in macchina. O forse tornerò a casa a piedi. Non lo so. Grazie per niente.” (Avviso spoiler: aveva le chiavi della macchina. E viviamo a circa tre miglia dal nostro negozio di alimentari con traffico abbastanza intenso su una strada principale. Quindi camminare in quel modo mentre si è a terra non è stata probabilmente la migliore scelta di vita). Ho vagato per il parcheggio per circa tre minuti prima che mi rendermi conto che era marzo nel Connecticut e non avevo portato una giacca. Tornai dentro, camminando senza meta su e giù per i corridoi.

BASSI ILLOGICI

Non posso nemmeno dirti perché ho reagito in quel modo, perché i miei sentimenti si sono intensificati così rapidamente, perché l’ho presa con Melissa. Non so dirti perché ho pensato che fosse una buona idea girovagare per Stop & Shop bassa e da sola.  Quando mi sono ripreso, Melissa aveva finito il resto della spesa dopo la gastronomia, aveva fatto il check-out, aveva caricato la macchina e mi stava pazientemente aspettando con il riscaldamento acceso. Vorrei dire che sono salito in macchina e mi sono profusamente scusato per il mio comportamento irrazionale, ma …

Per un po’ non sono stato comunque molto gentile. Sono stato scontroso per il resto della mattina, soprattutto, credo, per l’imbarazzo. Adesso ci ridiamo sopra: “Ti ricordi quando hai preferito i salumi a me?” Le chiedo. “Ricordi quando sei scappato dalla gastronomia quando eri basso?”, risponde lei. “E io avevo le chiavi! Sapevo che non potevi andare molto lontano”.

Ma perché? Perché diavolo l’ho fatto? Perché facciamo qualsiasi cosa quando siamo bassi? Perché, quando mi sono ritrovato a 32 in passato, sono riuscito a tenere tutto insieme quando altre volte negli 50 ho fatto un viaggio di sola andata in una città pazza? Misteri diabetici irrisolti: dovrebbe essere un podcast.

Alla mia cara e paziente moglie, dedico questo post a lei e a tutti gli altri sostenitori che si sono trovati alla fine degli affari di quella che chiamo “ipo-ira”. È come una strana, rabbiosa furia diabetica di sciocchezze intossicate che sarebbe esilarante se non stessi letteralmente morendo. Ti amiamo tutti per aver amato quella versione di noi.

E per la cronaca, anch’io avrei scelto i salumi. La domenica in coda alla gastronomia non è uno scherzo.

WRITTEN BY Cat Carter, POSTED 04/15/21, UPDATED 04/15/21

Cat è un istruttore e consulente accademico in un piccolo college nel nord del Connecticut. Crede nel potere dell'istruzione, nel caffè e nell'innegabile verità che l'universo del basket ruota intorno a Storrs, CT. Quando non si sta (sotto)allenando per una gara o non sta cantando le melodie degli spettacoli di Broadway, probabilmente è in giro con sua moglie, suo figlio e la loro nidiata di bambini pelosi. Le è stato diagnosticato il 4 febbraio 2015, poco dopo il suo 30° compleanno. Potete seguire le sue disavventure e avventure su www.typeoneontherun.com e trovarla su Instagram e Facebook @typeoneontherun.